| Sospensione |

Sospensione

Una vecchia falegnameria nel giardino di un cortile del centro storico con una tettoia sul fondo.

La madre si innamorò subito del giardino, senza neppure vedere il resto, e fu demolito tutto ciò che lo occupava finché rimase solo, con la tettoia sempre sul fondo, luogo di sospensione dalla realtà esterna.

Pochi soldi, spazi ridotti e molti desideri.…. Perciò la tettoia resta, c’è già il tetto, manca solo la casa sotto.

Decido di proporre una struttura di stoccaggio industriale e una grande vetrata frontale e scorrevole, assolutamente permeabile con il giardino. La sua inclinazione lascia libero e indipendente l’accesso dall’esterno, senza ridurre lo spazio al piano superiore.

La scala di collegamento dei due piani è sottilissima, quasi un tappeto volante e magico.

Ora la nuova casa è parte integrante del giardino, La rosa la sta già raggiungendo.

Parole d’ordine? Sognare e coltivare.